Vi state chiedendo come sia nato tutto ciò?

Tutto partì da un ritrovo tra vecchi amici nel lontano 2012, che decisero una sera di organizzare un’uscita in moto per i campi e i greti dei fiumi. Il percorso fu tracciato usando un GPS e successivamente condiviso a tutti i partecipanti. Questa prima edizione si svolse completamente in notturna partendo alle ore 22, dopo un’abbondante cena tutti assieme. L’idea iniziale era quella di una semplice cavalcata di poche ore, ma l’enorme divertimento trasformò il tutto in un giro di circa 180km, che si concluse la mattina seguente. L’evento fu così memorabile che ci fu subito la voglia di crearne altri simili.

associazione-amici-del-bicilindrico
Cena prima della partenza
associazione-amici-del-bicilindrico
Notturna 2020

Ed è così che nel giro di poco tempo ne vennero organizzati altri due, entrambi in diurna. Uno di questi durò addirittura due giorni e i partecipanti si fermarono a dormire in un agriturismo lungo il percorso, scelto dall’organizzazione. Molte persone si ritrovarono legate da questa passione per le due ruote e venne creato oltre ad un gruppo Facebook, due gruppi WhatsApp tutt’ora esistenti.

Ed è così, forse per gioco, che un ritrovo tra amici per rivangare i vecchi tempi divenne, nel 2018, ciò che è oggi, ovvero l’Associazione Sportiva Dilettantistica Amici del Bicilindrico.

Il nome non è casuale, infatti i partecipanti tendenzialmente usano una moto con motore a due pistoni, ma nonostante ciò non è impedita la partecipazione a coloro che guidano una monocilindrica. Ad oggi l’associazione conta circa 200 persone che vanno dai vent’anni in su. Tra questi ci sono appassionati di fuoristrada ed ex piloti di enduro, appartenenti un tempo ad importanti motoclub. Quasi tutti i componenti del gruppo provengono, infatti, dal mondo agonistico ed hanno partecipato per svariati anni a gare di Enduro e motorally. A capo di tutto ciò c’è Gianpietro Manzatto, uno degli amici presenti alla storica serata del 2012. A sostenerlo ci sono altri due appassionati di enduro, che non solo aiutano nell’organizzazione, ma partecipano anche in prima persona agli eventi.

componenti-degli-amici-del-bicilindrico
Gianpietro Manzatto e Andrea Mascarin al Rally di Sardegna